Il mondo ora contiene più fotografie che mattoni e sono, sorprendentemente, tutte diverse.