I poeti sono come i bambini: quando siedono a una scrivania, non toccano terra coi piedi